Bangr-Weogo Parc - WOWnature
close

Nessun prodotto nel carrello.

Visita una foresta

Bangr-Weogo Parc

Burkina Faso
Ouagadougou

La foresta classificata della diga di Ouagadougou è un massiccio forestale di oltre 265 ettari, creato nel 1932 proprio nel centro della città di Ouagadougou, la capitale del Burkina Faso.

Dal 1995 al 1997, 240 ettari della parte settentrionale di questa foresta sono stati recintati e sviluppati come parco urbano, per poi essere consegnati in gestione al Comune di Ouagadougou il 5 gennaio 2001.

Nel 2005 √® stato denominato Parco Urbano B√£ngr-Weoogo, che significa “Il cespuglio della conoscenza o la foresta della conoscenza” nella lingua nazionale Moor√©.

Il complesso del Parco urbano di B√£ngr-Weoogo e il lago delle tre dighe sono stati inseriti nell’elenco delle zone umide di importanza internazionale (sito RAMSAR) il 5 febbraio 2019.

Il Parco urbano di Bãngr-Weoogo è un polmone verde per la città, che fornisce servizi ecosistemici, educazione ambientale e attività ricreative per scolari, studenti e popolazione urbana in generale, oltre a proteggere la biodiversità.

Per consentire al PUBW di svolgere la sua funzione di educazione ambientale, il Comune di Ouagadougou ha chiesto ai suoi partner del progetto Nourrir la ville di sviluppare e gestire una struttura di educazione ambientale attraverso l’attuazione di un programma di educazione ambientale.
attraverso la creazione di un circuito di apprendimento per le specie che producono prodotti forestali non legnosi (NTFP).

Questo progetto è finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo. AID 012590/01/1

logo_nourrir-la-ville

Conosci le specie della Food Forest!

Arbusto basso, ramificato e spinoso, alto da 2 a 8 metri. La chioma può essere stretta o aperta, la corteccia è fessurata, fibrosa e brunastra, con fette rosse striate di bianco. Le foglie sono disposte alternativamente. I frutti sono baccelli sottili, appuntiti alle due estremità, lunghi da 7 a 12 cm e larghi da 1,5 a 2 cm.

UTILIZZI:

I semi acerbi vengono utilizzati principalmente come ingredienti per le salse. Ma quando vengono raccolti a maturit√†, possono essere preparati puri e conditi con vinaigrette in occasione di battesimi e matrimoni. Le foglie, i giovani ramoscelli, la corteccia e le radici di quest’albero sono utilizzati in vari modi per curare disturbi come i morsi di serpente, l’angina, la sifilide, il colera, la carie e cos√¨ via.

I baobab sono grandi alberi decidui con un tronco grosso e spesso (forse il pi√Ļ grosso del mondo) che ha una forma a bottiglia e raggiunge un diametro di 10-14 metri.

UTILIZZI:

La corteccia fornisce tessuti, fibre e cordame, mentre il legno, con la sua capacit√† di respingere l’acqua, √® destinato a molti usi. Le foglie sono utilizzate come foraggio e vengono raccolte con scale infisse nel tronco, utilizzate anche per raccogliere il miele selvatico. I semi, ricchi di olio, vengono consumati e utilizzati per preparare salse, in particolare in combinazione con il couscous di fonio. Le giovani piantine e le radici si mangiano come gli asparagi, mentre la polpa dei frutti maturi viene utilizzata per preparare una bevanda dolce locale (“Kinyomou” in Bwamu, “Toed Kom” in Moor√©, “Gnimpi√©ma”) e porzioni per bambini grazie al suo alto contenuto di vitamine. I semi fermentati sono utilizzati come “soumbala”. Il frutto √® anche usato a livello medico per trattare una serie di disturbi, tra cui problemi respiratori e digestivi, infiammazioni agli occhi e disturbi gastrici, renali e articolari.

Albero deciduo alto da 3 a 10 m (talvolta 16 m), diffuso nell’Africa tropicale dalla Mauritania al Madagascar. Si trova in una variet√† di habitat come foreste a galleria, savane boscose ed ex termitai, spesso vicino ai fiumi in Africa orientale, e in aree ripariali, paludi e margini forestali in Africa meridionale.

 

UTILIZZI:

Le foglie di questo albero vengono utilizzate in cucina, aggiunte alle zuppe o mescolate ai cereali. Vengono bollite e aggiunte a una miscela chiamata “kwado”. I frutti, che misurano da 4 a 5 cm di diametro, si mangiano insieme ai semi, che a volte vengono arrostiti. Le foglie vengono applicate sulla testa per alleviare il mal di testa e un bagno di vapore con le foglie viene usato per trattare vari disturbi agli occhi. La corteccia √® usata come rimedio per i disturbi gastrointestinali e in combinazione con la Flacourtia flavescens per trattare la lebbra. Le radici hanno una variet√† di usi, in particolare come febbrifugo e nel trattamento della sifilide. Il legno dell’albero, pur non avendo un’utilit√† pratica rilevante, viene talvolta utilizzato per piccoli oggetti di falegnameria e come combustibile.

Arbusto rampicante sempreverde, spinoso e cespuglioso, alto circa 3 metri. Cresce nelle regioni aride dell’Africa, dal Senegal alla Somalia e al Sudafrica meridionale; si trova anche in Asia tropicale, dall’India alle Filippine, alla Nuova Guinea e all’Australia.

 

UTILIZZI:

Il frutto crudo ha un sapore etereo ed è considerato afrodisiaco, mentre la buccia è molto amara. I cacciatori mangiano il frutto sferico, giallo-arancio, di 15 mm di diametro, durante la caccia. I boccioli dei fiori vengono messi in salamoia e utilizzati come sostituto dei capperi (C. Spinosa), e la pianta è considerata un alterativo, febbrifugo e tonico. I rami vengono anche essiccati per ottenere un buon combustibile.

Questo arbusto alto 8-9 metri, con la sua corteccia fibrosa di colore marrone scuro e le sue foglie coriacee e semplici sempreverdi, prospera in una varietà di ambienti. Spazia dalle regioni aride della savana agli altopiani con terreni ferruginosi, alle valli, alle zone inondate o umide, ai terreni sabbiosi e argillosi e ai terreni molto poveri, fino ad altitudini comprese tra 945 e 1825 metri.

 

UTILIZZI:

Le foglie sono utilizzate per inacidire la pasta di cereali e produrre aceto, mentre i baccelli bolliti sono usati per preparare bevande. Il tè ricavato dalle foglie è considerato un rimedio per il raffreddore. La corteccia, con le sue proprietà astringenti, è usata per trattare diarrea e dissenteria, oltre a condizioni emostatiche e antisettiche. Le radici forniscono pigmenti colorati e i semi e i baccelli sono utilizzati per produrre tinture. Il legno, sebbene sia vulnerabile agli insetti, viene utilizzato come combustibile.

Piccolo albero spinoso, alto 6-8 m, con corteccia da grigia a marrone punteggiata di aculei diritti. Le foglie sono semplici, alterne, con lamina ellittica da lanceolata a oblanceolata. I fiori sono ermafroditi e riuniti in grappoli ascellari globosi di 2-8 fiori tetrameri, da biancastri a giallastri.

 

UTILIZZI:

I frutti maturi vengono consumati cos√¨ come sono. Tuttavia, i frutti sono altamente deperibili e quelli che cadono a terra non sono pi√Ļ commestibili. In Angola, dal nocciolo dei semi si estrae un olio commestibile. Tuttavia, quest’olio √® ampiamente utilizzato per ungere il corpo, per fare torce e persino per la produzione di sapone, piuttosto che per cucinare. La pianta ha diversi usi medicinali. Gli steli delle foglie hanno propriet√† lassative e antipiretiche e vengono utilizzati come collirio e collutorio. Le foglie trattano l’emicrania e l’angina e agiscono come antidoto al veleno. Le radici sono utilizzate per una serie di disturbi, tra cui problemi di pelle, mal di testa, emorroidi, malattie sessualmente trasmissibili, vermi d’India, ecc. Il frutto √® utile per la stitichezza cronica e ha propriet√† sverminanti. La corteccia √® usata per guarire, trattare le ulcere della pelle e alleviare il mal di testa febbrile. I semi sono purganti e usati per i morsi di serpente.

√ą un albero sempreverde che cresce lentamente fino a 6 m per 4 m. Non pu√≤ crescere all’ombra. Preferisce terreni umidi o bagnati. Si trova in una variet√† di habitat, ma cresce meglio in siti bassi e alluvionali, come i fondovalle, le rive dei fiumi o i piedi dei pendii rocciosi.

 

UTILIZZI:

I frutti maturi della pianta sono apprezzati, soprattutto dai bambini che li mangiano come dolci, per la loro consistenza fibrosa e il loro sapore agrodolce, che possono essere macerati per ottenere una bevanda fermentata. I noccioli forniscono un olio commestibile usato per trattare le ferite e per produrre sapone. Le foglie giovani sono utilizzate in salse e/o insalate. Dal punto di vista medico, il liquido estratto dai frutti stimola la produzione di latte materno, le noci trattano i disturbi digestivi, l’olio √® usato per i problemi della pelle, gli steli sono talvolta usati come spazzolini da denti e un decotto della radice √® usato contro la malaria. Le radici sono purganti e vermifughe.

√ą un albero dioico sempreverde che cresce fino a 20 m di altezza, o fino a 45 m nelle foreste. Si trova nelle foreste ripariali, pi√Ļ raramente su termitai o affioramenti rocciosi, o in foreste secche semi-sempreverdi ad altitudini comprese tra 60 e 1370 metri.

 

UTILIZZI:

Le foglie e i frutti sono ampiamente utilizzati nella medicina tradizionale e contengono componenti attivi dal punto di vista medico come la plumbagina, il tannino, la saponina e la scopolamina. La pianta viene prescritta da sola per trattare una serie di disturbi interni ed esterni, dalla febbre alla gengivite. Le foglie, i frutti e la corteccia sono usati anche per trattare il mal di denti e le ulcere e come collutorio. La linfa dell’albero √® usata per trattare l’otite e i trucioli di legno sono usati come collutorio per il mal di denti in Nigeria.

Questo arbusto sempreverde, che può raggiungere i 2-5 m di altezza in condizioni favorevoli, è resistente al vento. Le sue foglie coriacee sempreverdi misurano fino a 12 cm × 4 cm e produce bacche sferiche gialle in piccoli grappoli, ognuno dei quali contiene da 1 a 4 semi verdastri a maturazione.

 

UTILIZZI:

I frutti immaturi di questa pianta sono versatili: cucinati come piselli, schiacciati per ottenere polpette o utilizzati come lenticchie dopo un complesso processo di cottura e lisciviazione. I semi, freschi o pretrattati ed essiccati, vengono bolliti in tempi di penuria per creare piatti come gigile, hora e anchan. I Peulh delle province di Soum e Yagha hanno una tradizione secolare di raccolta e conservazione di questi frutti, per garantirne l’utilizzo durante tutto l’anno. Le foglie curano una serie di disturbi, tra cui la bilharzia, le piaghe da verme d’India, le emorroidi, i disturbi intestinali, il mal di testa, le coliche e le ulcere. Le radici hanno propriet√† vermifughe, i frutti sono usati contro la sifilide e l’intera pianta √® usata per trattare itterizia e gonfiore.

√ą un albero deciduo che cresce rapidamente fino a 10 m per 7 m. Cresce sui pendii aridi, sassosi o rocciosi di colline e montagne. Le foglie alterne sono variabili, lucide sopra e biancastre sotto, con piccoli fiori raggruppati alla base. Gli aculei sono a coppie, uno dritto e lungo, l’altro piccolo e ricurvo. Il frutto √® una drupa globosa con una polpa farinosa e un nocciolo contenente due semi.

 

UTILIZZI:

I frutti possono essere consumati freschi, essiccati come i datteri o cucinati in budini, torte, pani, gelatine, zuppe e cos√¨ via. Il frutto essiccato ha il sapore pi√Ļ gradevole e viene consumato cos√¨ com’√®, oppure macinato in polvere e confezionato sotto forma di crocchette a forma di mezzaluna, note localmente come “Mugunu-Gonr√©” in Moor√©. Il giuggiolo favorisce la funzionalit√† epatica, stimola il sistema immunitario e migliora la digestione. I frutti essiccati contengono composti pettorali e tonici. I semi curano l’insonnia e l’esaurimento nervoso, mentre la radice √® usata per trattare la dispepsia. Le foglie favoriscono la crescita dei capelli e sono usate per trattare la stranguria. √ą un albero da foraggio consumato da pecore e capre. Le foglie verdi hanno un valore foraggero di 0,47 UF/kg, mentre l’olio non essiccato √® utilizzato nella produzione di sapone e nella lubrificazione.

Si trova in una variet√† di foreste umide e secche, in particolare come specie pioniera, soprattutto nelle foreste secondarie. √ą un albero gigante che pu√≤ raggiungere i 40 metri di altezza e si distingue per il tronco liscio e spinoso. La chioma √® sottile e a forma di pagoda. Le foglie sono palmate. L’albero produce diversi baccelli contenenti semi ricoperti di fibre.

 

UTILIZZI:

Le foglie, i germogli e i frutti sono mucillaginosi e si mangiano come il gombo. I semi, crudi o cotti, sono utilizzati nelle zuppe. Le foglie sono usate per trattare scabbia, diarrea e tosse. Un decotto della corteccia √® usato come diuretico e afrodisiaco e come trattamento per il mal di testa e il diabete. Un decotto delle radici √® usato per edemi, dismenorrea e ipertensione. I fiori vengono sbollentati e mangiati, gli stami essiccati aggiunti al curry e la resina del tronco viene usata come bevanda. Sono anche usati come rimedio per la stitichezza. Inoltre, la fibra di kapok √® apprezzata per il suo utilizzo nella fabbricazione di materassi e cuscini, mentre l’olio di semi √® usato nella produzione di sapone e come fertilizzante. Il legno √® facile da sfogliare per l’impiallacciatura.

√ą un albero deciduo che generalmente raggiunge un’altezza compresa tra i 10 e i 25 metri, anche se nel Sahel difficilmente supera i 6 metri. Il tronco dritto √® spinoso, soprattutto da giovane, ed √® ricoperto da una corteccia spessa e sugherosa. √ą tipico dell’Africa occidentale tropicale, dal Senegal all’Africa centrale, dalla Guinea al Ghana e dalla Nigeria al Ciad meridionale.

 

UTILIZZI:

Il calice del fiore viene essiccato, macinato in polvere e utilizzato come ingrediente del “futo” o delle salse. Il frutto giovane viene essiccato e utilizzato per la preparazione di piatti. Il frutto acerbo viene tagliato a pezzi e usato per preparare una bevanda. Dal punto di vista medico, il fusto e la corteccia della radice sono diuretici ed emmenagoghi e curano una serie di disturbi. Le foglie e i frutti trattano condizioni come emorragie e diarrea. La pianta ha anche una variet√† di usi, producendo fibra di kapok per l’imbottitura ed estratti di foglie usati come antiossidanti nei cosmetici.

 

√ą un albero originario dell’Africa, che raggiunge circa 25 m di altezza con una chioma espansa. Le sue foglie oblunghe sono raggruppate alle estremit√† dei rami, i fiori bianchi alle estremit√† dei germogli e i frutti piatti contengono fino a quattro semi marroni lucidi. La fruttificazione inizia dopo 10-15 anni, con una produzione completa a 20-30 anni. √ą tipica della savana dell’Africa occidentale, ma si trova anche nel Sahel meridionale.

 

UTILIZZI:

Il frutto dell’albero del karit√©, con la sua dolce polpa verde, √® un integratore alimentare essenziale. Questo burro svolge un ruolo importante in cucina per friggere o per ungere la salsa a fine cottura. Tuttavia, il burro estratto dalle mandorle √® il prodotto pi√Ļ richiesto dall’industria alimentare, cosmetica e farmaceutica. Nella medicina tradizionale e moderna, il burro di karit√© ha un valore inestimabile, in quanto allevia i dolori reumatici, cura i problemi della pelle e funge da base per i medicinali per uso topico. Le foglie trattano i disturbi di stomaco, mentre le radici e la corteccia schiacciate sono usate per trattare la diarrea e l’itterizia. Gli infusi di corteccia vengono applicati come collirio per contrastare il veleno del cobra sputatore. Un decotto di corteccia √® stato usato nei bagni per facilitare il parto e stimolare la lattazione nelle madri che allattano.

 

La Saba senegalensis è una liana selvatica presente nelle savane africane. Cresce come arbusto e si distingue per la corteccia grigio scuro, le foglie ellittiche opposte e i fiori molto profumati.

 

UTILIZZI:

I frutti della Saaba senegalensis, caratterizzati da un guscio globoso che racchiude semi ricoperti da una polpa morbida di colore giallo-arancio, vengono consumati direttamente quando sono maturi. I baccelli e i semi polposi, freschi o essiccati, sono utilizzati anche per addolcire e inacidire i piatti e alcune aziende stanno lavorando per stabilizzare il succo di frutta di Saba per il futuro imbottigliamento e commercializzazione. In medicina, le foglie sono usate per trattare il vomito, mentre il lattice √® usato per trattare la tosse e la tubercolosi. I viticci sono usati per curare i bambini, parti della pianta sono usate per tinture fatte in casa e il lattice √® usato anche come veleno per avvelenare le frecce, mentre l’albero √® apprezzato per la sua ombra e il suo aspetto ornamentale nel paesaggio.

L’Azadirachta indica √® un sempreverde a crescita rapida e longeva, con una chioma ovale, densa e ampiamente diffusa. Pu√≤ raggiungere un’altezza di circa 15 metri, con esemplari occasionali che raggiungono i 25 metri. Ha un tronco corto e dritto che pu√≤ raggiungere i 100 cm di diametro. Si trova nelle foreste miste e sempreverdi di pianura.

 

UTILIZZI:

Le giovani foglie amare si consumano crude o fritte con altre verdure. I fiori sono utilizzati per il loro aroma. Il frutto viene consumato fresco o cotto, oppure preparato come dessert o bevanda tipo limonata. L’olio di semi raffinato pu√≤ essere usato per cucinare. Dalla linfa dei rami si ricava una bevanda alcolica fermentata. Le sue parti, ricche di meliacine, triterpenoidi amari, tannini e flavonoidi, agiscono come disintossicanti, febbrifughi e antifungini. Utilizzato nella medicina ayurvedica, il neem cura la malaria, le ulcere e i vermi intestinali. Il suo olio √® usato contro la lebbra, mentre la corteccia ha un’azione astringente ed esterna per le emorroidi. In generale, il neem √® riconosciuto per i suoi effetti sulla salute orale e dentale e per la sua azione contro varie malattie della pelle, batteri e funghi.

 

√ą un albero deciduo che pu√≤ raggiungere un’altezza di 20 m e un diametro del fusto di 130 cm. La chioma √® a forma di ombrello, densa e diffusa. Il fusto √® dritto e cilindrico e la corteccia √® spessa e di colore grigio-marrone scuro. Ha una radice a fittone profonda e radici laterali che si estendono fino a 10 m.

 

UTILIZZI:

I baccelli producono due componenti alimentari, la polpa gialla e i semi. La polpa viene utilizzata da sola o mescolata con piccola farina di miglio per preparare piatti come il couscous e le frittelle, ed √® anche usata come zucchero nel porridge. I Gourounsi creano la bevanda “Mounin” mescolando la polpa con la farina di miglio. I semi, crudi o macinati con la farina, sono utilizzati dai Gourounsi per preparare frittelle. La forma fermentata dei semi, chiamata “Soumbala”, √® ampiamente utilizzata nella cucina tradizionale, in particolare nel riso soumbala e in piatti innovativi come il pollo soumbala e il maiale soumbala.Questa pianta ha propriet√† medicinali utilizzate per trattare vari disturbi come mal di denti, infezioni della pelle e febbre. Oltre ai benefici medicinali, le sue varie parti hanno un’ampia gamma di applicazioni, dalla tintura della ceramica alla realizzazione di attrezzi agricoli e mobili.

 

√ą una palma liscia, a forma di bottiglia, che pu√≤ raggiungere i 25 metri di altezza a piena maturit√†. Deve il suo nome alla corona, costituita da un gruppo di foglie a forma di ventaglio.

 

UTILIZZI:

L’albero ha una notevole versatilit√† d’uso: i frutti vengono consumati freschi, essiccati o cotti, e dai frutti acerbi si pu√≤ estrarre il succo. La linfa della pianta viene trasformata in vino o aceto di palma. Le foglie sono usate per fare culmi, cesti e stuoie, mentre l’albero √® usato come frangifuoco resistente alla siccit√†. Dal punto di vista medico, √® antielmintico e antiasmatico, con una variet√† di usi che includono il trattamento dei parassiti dello stomaco, della bronchite, del mal di gola e dell’asma, nonch√© dei collutori. Le foglie sono anche considerate afrodisiache.

 

Albero deciduo della famiglia delle Caesalpiniaceae, che raggiunge i 10 m di altezza, con tronco dritto, corteccia squamosa e chioma sferica. Questa specie si trova generalmente nella savana secca.

 

UTILIZZI:

Un albero prezioso dai molteplici usi. Il frutto dolce viene consumato fresco, mentre la polpa √® usata come sostituto dello zucchero e nella preparazione di dolci e cuscus. I semi e le foglie sono consumati come condimento e verdura. I semi, ricchi di gomma, vengono trasformati in farina per vari usi alimentari, migliorando la stabilit√† delle emulsioni. Le foglie e le radici sono vendute sui mercati locali per scopi medicinali. Ha propriet√† antidiabetiche e antiossidanti. La corteccia e le foglie vengono applicate sulle ferite per prevenire e trattare le infezioni. Le foglie e la corteccia dell’albero, utilizzate in infusi o decotti, curano reumatismi e infezioni e sono usate anche per trattare malaria, lebbra e impotenza. In medicina veterinaria, le foglie e le radici sono utilizzate per trattare la diarrea e la costipazione del bestiame.

Albero deciduo della famiglia delle Caesalpiniaceae, che raggiunge i 10 m di altezza, con tronco dritto, corteccia squamosa e chioma sferica. Questa specie si trova generalmente nella savana secca.

 

UTILIZZI:

Un albero prezioso dai molteplici usi. Il frutto dolce viene consumato fresco, mentre la polpa √® usata come sostituto dello zucchero e nella preparazione di dolci e cuscus. I semi e le foglie sono consumati come condimento e verdura. I semi, ricchi di gomma, vengono trasformati in farina per vari usi alimentari, migliorando la stabilit√† delle emulsioni. Le foglie e le radici sono vendute sui mercati locali per scopi medicinali. Ha propriet√† antidiabetiche e antiossidanti. La corteccia e le foglie vengono applicate sulle ferite per prevenire e trattare le infezioni. Le foglie e la corteccia dell’albero, utilizzate in infusi o decotti, curano reumatismi e infezioni e sono usate anche per trattare malaria, lebbra e impotenza. In medicina veterinaria, le foglie e le radici sono utilizzate per trattare la diarrea e la costipazione del bestiame.

UTILIZZI:

√ą un grande albero deciduo, che raggiunge i 20 m di altezza e si trova nelle foreste costiere, ripariali e di pianura, estendendosi fino ai prati alti. Ha fiori profumati in grappoli, foglie lucide e frutti oblunghi che da verdi diventano neri a maturazione.

 

UTILIZZI:

I frutti maturi della V. doniana si mangiano direttamente e si usano per fare la birra (“Koto-dolo” in Jula). Le foglie sono utilizzate per preparare salse e tisane. I semi, che sono commestibili, forniscono una bevanda dolce e hanno propriet√† medicinali. Le foglie giovani sono utilizzate nelle tisane per favorire la digestione e trattare l’anemia e la dissenteria. In Burkina Faso, la pianta √® usata per alleviare i dolori mestruali. Il legno, resistente alle termiti, viene utilizzato in edilizia, falegnameria e come combustibile.

La Lannea microcarpa √® un albero a foglia caduca con una chioma emisferica molto densa; pu√≤ raggiungere un’altezza di 16 metri. Il tronco pu√≤ raggiungere i 60 cm di diametro.

 

UTILIZZI:

I frutti vengono consumati crudi o essiccati. Possono essere essiccati e utilizzati come l’uva sultanina. Dal frutto si ricava una bevanda fermentata. I frutti cotti producono una bevanda dolce. Il frutto ellissoide nero-violaceo √® lungo circa 15 mm, mentre le foglie giovani vengono cotte e consumate come verdura. Gli usi medicinali della pianta includono il trattamento di dolori, coliche, gonfiori, ferite, ascessi e vari disturbi. La corteccia viene utilizzata per problemi di stomaco, dissenteria, disturbi agli occhi, cure dentali, infezioni della pelle e altro ancora. La pianta ha anche un significato culturale: la sua corteccia viene utilizzata per tingere i tessuti e creare abiti da cerimonia per le occasioni speciali. L’olio di semi √® usato per saponi e prodotti per la cura della pelle, mentre la corteccia √® usata anche per fare corde e come combustibile.

Originaria dell’Africa tropicale, √® l’unica specie del genere omonimo, con una notevole longevit√† che pu√≤ raggiungere i 30 m di altezza e da 1 a 2 m di diametro del tronco. Predilige le zone semi-aride, prospera nelle foreste, nelle savane e nei cespugli bassi, spesso associati a termitai, e pu√≤ crescere anche lungo i corsi d’acqua e i fiumi.

 

UTILIZZI:

La polpa del frutto del tamarindo √® versatile e viene utilizzata per addolcire/acidificare piatti come il porridge di miglio e per preparare una bevanda rinfrescante. Oltre a essere un leggero lassativo, digestivo e carminativo, il tamarindo svolge un ruolo antimicotico e antiparassitario. Ha effetti benefici sul fegato e sulle vie urinarie, proteggendo il fegato, prevenendo le malattie epatiche, agendo sui reni e trattando i disturbi urinari. Il tamarindo agisce anche come antinfettivo ed espettorante, calmando le vie respiratorie, e offre propriet√† antiossidanti per combattere l’invecchiamento cellulare grazie all’acido tartarico.

Entra nel mondo di WOWnature

Iscriviti alla nostra newsletter per immergerti nella forestasi, imparare dalla natura e restare aggiornato sulla nostra iniziativa!

PRIVACY POLICY

I dati personali raccolti dal presente modulo sono trattati da Etifor srl nel rispetto del GDPR e verranno conservati esclusivamente ai fini dell’iniziativa WOWnature. I dati non verranno ceduti a terze parti e gli iscritti potranno esercitare i diritti di cui agli artt. da 15 a 22 del Regolamento UE 679/2016, ove applicabili, mediante una comunicazione mail a privacy@etifor.com o cliccando sulla voce relativa alla cancellazione dal database contenuta i tutte le newsletter.