4 cose da ricordare quando decidi di piantare un albero

Vuoi far crescere un albero e non sai come farlo? Leggi i nostri consigli e libera la tua voglia di verde!

SCEGLI LA SPECIE CON CURA E CHIEDI CONSIGLIO AGLI ESPERTI

Per i nostri progetti coinvolgiamo dottori forestali e operatori specializzati per decidere insieme le specie autoctone da utilizzare e come organizzare il bosco.
Ma se parliamo di giardini e non di boschi, quali sono le cose da tenere a mente?

Puoi rispondere a queste semplici domande:

La specie che ho scelto di piantare è autoctona?
Si adatta bene alle caratteristiche dell’area che ho scelto?
Crescendo può creare problemi agli alberi, alle persone o alle cose che si trovano vicino?
Ho letto le indicazioni e le regole del mio Comune in merito?
Hai risposto “sì” a tutte le domande? Allora sei pronto per piantare il tuo nuovo albero!

OCCHIO AL METEO E ALLA TEMPERATURA

La fase di impianto è per un albero come intraprendere un viaggio per tutti noi: piacevole ma stressante. Per questo ti consigliamo di piantarlo quando dorme (riposo vegetativo) e può reagire meglio l’affaticamento.

Nelle aree con clima temperato come l’Europa il momento migliore per piantare è subito dopo la perdita delle foglie; quindi il periodo che va da ottobre a marzo. Ovviamente in alta montagna si deve fare attenzione da evitare i periodi in cui c’è neve e in generale il suolo deve essere “in tempera” ossia fresco ma non bagnato. Sembra un controsenso ma, se il terreno è troppo bagnato, scavando la buca la terra diventerà troppo compatta e le radici del nuovo albero faranno fatica a crescere.

E nelle foreste tropicali? Dipende, in Amazzonia – ad esempio- l’inverno non esiste ma esiste il periodo secco. In questo caso l’ideale sarebbe piantare all’inizio della stagione delle piogge così il nuovo albero avrà acqua a disposizione per crescere.

PIANTALO ALLA GIUSTA PROFONDITÀ

Ti è mai capitato di andare sott’acqua con la bocca aperta? E di uscire in inverno con dei pantaloni decisamente troppo corti? Non è piacevole e lo stesso vale per la pianta per questo è fondamentale metterla alla giusta profondità quando la pianterai.

C’è un punto ben preciso chiamato “colletto” che separa la parte delle radici da quella del fusto e dei rami. Quando si impianta un albero la terra con la quale si chiude la buca deve arrivare esattamente al colletto: né più in basso (le radici si seccheranno) né non più alto (la pianta potrebbe soffocare)! Inoltre, ricordati di fare una bella buca (larga e profonda circa 40 cm) e di mettere il giovane alberello bello dritto. Dopo aver ricoperto per bene le radici, se il terreno è secco, ti consigliamo di dare un po’ di acqua senza smuovere troppo il terreno.

ATTENZIONE: QUI C’È UNA GIOVANE PIANTA!

Se possibile è sempre meglio piantare alberi di piccole dimensioni (50-100 cm), come fa la natura partendo dal seme. Gli alberi piccoli si abituano velocemente alla nuova casa e sono più resistenti alla siccità e ai forti venti. Quando l’erba e i fiori del giardino cresceranno potrebbero rendere poco visibile la tua piantina; per questo è sempre meglio proteggerla e segnalarla. Per farlo ti consigliamo di usare delle protezioni biodegradabili e dei paletti di legno o bambù; proprio come facciamo noi con i progetti WOWnature che sono rigorosamente plastic-free. Nelle aree secche e aride si possono usare ance i “waterbox”: dei piccoli vasi che si riempiono di acqua e la rilasciano lentamente per far bere la pianta.

Dai sfogo alla tua creatività ma non dimenticarti che questi giovani alberi cresceranno e diventeranno grandi quindi hanno bisogno di molto spazio! Il tuo giardino è troppo piccolo ma vorresti comunque rendere più verde la città?
Sostieni uno dei nostri progetti e fai nasce un nuovo bosco WOWnature!