Fedrigoni

Un unico gruppo, un unico forte legame con la natura. Noi di Fedrigoni partiamo dalla Natura per allargare i confini della creatività: la nostra materia prima, il legno, è sostenibile, rinnovabile e la maggior parte dei nostri prodotti sono riciclabili e biodegradabili in brevissimo tempo. Il nostro impegno per una filiera produttiva più sostenibile è un piano a lungo termine, un impegno iniziato più di 130 anni fa: ci focalizziamo sul miglioramento dei processi produttivi, della filiera, dell’impatto ambientale e dell’innovazione di prodotto, senza perdere di vista l’importanza di costruire ponti tra le nostre persone e le comunità che tocchiamo.

Questo continuo sforzo verso la sostenibilità ha portato a risultati concreti, come la riduzione negli ultimi 7 anni del 46% del consumo di acqua nel processo di produzione di autoadesivi, e del 13% del consumo di energia termica. Il nostro percorso verso l’utilizzo di pasta di cellulosa certificata al 100% FSC è iniziato nel 1998 e abbiamo raggiunto l’obiettivo nel 2014: questa certificazione garantisce la sostenibilità ambientale, sociale ed economica dei materiali, provenienti da foreste protette da trattati internazionali.

Nell’ambito del nostro percorso di sostenibilità, sosteniamo la creazione di spazi verdi in aree urbanizzate vicino ai nostri stabilimenti. A novembre 2020 è nato il primo bosco Fedrigoni a Caponago, nel Nord Italia, con 1.530 alberi autoctoni donati ai Comuni di Caponago e Pessano con Bornago. Fedrigoni seguirà il benessere e la cura di questo bosco per i suoi primi cinque anni di vita.

Il nostro bosco, che intende favorire la biodiversità con l’utilizzo di 16 specie arboree autoctone, assorbirà minimo 100 tonnellate di CO2 nei prossimi 20 anni equivalenti alle emissioni annuali di 50 automobili.

Aree attive

Bosco Fedrigoni

In un’area circondata da capannoni, stabilimenti, industrie e superstrade sta nascendo un nuovo bosco: il Bosco Fedrigoni prende il nome da uno dei principali produttori di carte speciali ed etichette autoadesive che, a testimonianza del grande impegno ambientale, finanzierà la realizzazione del parco attiguo al suo stabilimento Ritrama, situato al confine tra Caponago e Pessano con Bornago, per regalare a dipendenti e cittadini dell’area verde un territorio migliore, più verde e più vivibile.

Racconti WOW