Nel bosco d’inverno…

Immagina: una distesa bianca.
Un manto candido che copre tutto… boschi e montagne.

0

I rumori della vita sono attenuati dalla neve: il ghiro riposa, il daino si nasconde fra gli alberi e il picchio cerca cibo. Eppure, la foresta sembra in silenzio come sotto un incantesimo.

Se fossi arrivato poco tempo fa, prima che arrivasse la neve, avresti visto uno spettacolo molto diverso: decine di uomini al lavoro impegnati a sgomberare il bosco.
I gestori di alcune aree incluse nell’iniziativa WOWalps (es. Val di Sella e Val di Fiemme) sono stati bloccati dalle forti nevicate delle scorse settimane e hanno dovuto rallentare le attività di pulizia del bosco. Una volta sciolta la neve tutto riprenderà e, non appena completata questa delicata fase, si potrà procedere con le altre attività pianificate.

Non possiamo dimenticarci infatti che la tempesta Vaia, che ha colpito montagna e città lo scorso autunno, è ufficialmente diventata il più grande fenomeno di danneggiamento del patrimonio forestale mai registrato nel nostro paese. Ad oggi si calcolano 41.000 ettari di bosco colpiti e 8,6 milioni di metri cubi abbattuti; circa 7 volte la quantità di legname ad uso industriale che le segherie italiane riescono a lavorare in un anno.

Una ferita che, anche grazie a tutti i sostenitori di WOWnature, si rimarginerà …ma che ha bisogno di tempo e pazienza per farlo.