News dal Burkina Faso: come stanno i nostri alberi?

Con il tuo supporto, dall’avvio del progetto, abbiamo piantato 5.000 nuovi alberi di karité, baobab, moringa e neré. Oltre 3.000 di questi sono stati piantati tra giugno e luglio 2022: l’unico periodo durante il quale si possono piantare nuovi alberi e arbusti in un contesto climatico come quello del Burkina Faso perché sono i mesi più piovosi. 

Burkina-alberi-piantati

Avevamo previsto, come fatto in passato, di mostrarti le attività di impianto in diretta, ma a causa della situazione di crisi nel Paese, dovuta a frequenti attacchi terroristici nelle aree rurali, entrare nel territorio oggi non è possibile. Però, siamo in stretto contatto con i nostri partner locali, che ci informano sullo stato del progetto e ci inviano spesso informazioni sulle attività.

Spoiler alert: gli alberelli stanno una favola! 

L’associazione femminile che collabora con WOWnature ci aggiorna

L’Union de Femmes de Garango, associazione di donne che pianta e cura le aree verdi, ha realizzato gli impianti. Infatti, gli alberi sono la loro fonte di reddito principale per sostentare la famiglia. Il gruppo è guidato da agronomi locali, che forniscono supporto tecnico, in collaborazione con il team di Etifor, partner dell’iniziativa. Le attività sono realizzate nell’ambito del “Progetto di miglioramento delle condizioni nutrizionali di donne e bambini nei distretti sanitari di Garango e Tenkodogo”, condotto dall’ONG italiana AES-CCC e co-finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo.

Le 2.000 piantine messe a dimora nel 2020 e 2021 stanno benissimo! Nonostante le piogge scarse, le donne curano gli alberi, che irrigano quando necessario. È soprattutto il caso del moringa, che si pianta all’interno di sistemi agro-forestali. Il karité e il neré, invece, resistono molto meglio al secco, perciò bastano dei piccoli interventi di cura e protezione. In questi contesti, ci aiuta anche l’agro-forestazione: alcuni alberi di baobab e moringa vengono piantati in concomitanza di un piccolo orto, perché si generino benefici reciproci tra le due componenti.

Una certificazione ottenuta e una in arrivo

Ci hanno comunicato un’altra importante novità. L’Unione de Femmes ha ottenuto la certificazione ECOCERT, per la commercializzazione di cosmetici biologici o naturali secondo il disciplinare COSMOS. Come sai, le donne combinano la lotta alla desertificazione e alla crisi climatica con la necessità di ottenere prodotti utili per il sostentamento della comunità. Per questo, piantano specie da cui ricavare farine, burri, oli alimentari ed essenziali, per poi venderli nei villaggi limitrofi, ma anche nella capitale Ouagadougou.

Non è finita! Come ulteriore garanzia di qualità dei loro prodotti, stanno lavorando per aderire all’organizzazione del commercio equo e solidale, la World Fair Trade Organization (WFTO), che gli consentirà di esportare i loro prodotti anche in Europa. Sarà un grande passo per generare maggiore valore aggiunto ai loro prodotti e stabilizzare la loro fonte di reddito derivante dalla gestione sostenibile delle aree verdi. 

Grazie infinite a tutti voi che avete deciso di sostenere questo progetto adottando un albero. Il nostro lavoro però non è ancora finito: vogliamo alzare l’asticella e piantare insieme altri 10.000 alberi!
A fine luglio 2022, la presidente della Union de Femmes de Garango e il referente dell’associazione AES-CCC per il Burkina Faso, in visita in Italia, sono passati a trovarci in ufficio e ci hanno aggiornati di persona.