Alta Badia

DESCRIZIONE DELL'AREA

Migliaia di persone stanche, stressate e fin troppo “civilizzate”, stanno cominciando a capire che andare in montagna è tornare a casa e che la natura incontaminata non è un lusso ma una necessità” diceva John Muir, uno dei primi conservazionisti moderni.

E se anche voi siete alla ricerca di indimenticabili momenti e di armonia con la natura, se volete sentirvi nuovamente “a casa”, non c’è niente di meglio di un tramonto sulle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO. Qui, infatti, troverete natura e paesaggi che tutto il mondo ci invidia, casa dell’antica popolazione ladina che ha sempre stimato e protetto questo ecosistema montano, forte e fragile allo stesso tempo.

Forte, perché è impossibile non sentirsi piccoli al cospetto delle montagne imponenti che custodiscono le valli.

Fragile, perché gli effetti di un clima che cambia si fanno già sentire. Oltre che con le temperature sempre più alte e il conseguente scioglimento dei ghiacciai, infatti, le nostre montagne devono fare i conti con eventi estremi sempre più frequenti e severi, come la tempesta Vaia del 2018 che ha aperto una profonda ferita nel cuore dell’Alta Badia, distruggendo boschi secolari.

Ma oggi puoi essere parte della sua rinascita, prendendoti cura dei boschi di Corvara come le sue montagne si sono sempre prese cura di te: sostieni la rinascita delle sue foreste e contribuisci a mitigare gli effetti della crisi climatica!

CERTIFICAZIONI

Questa è un’area certificata FSC®: la certificazione di Gestione Forestale responsabile che assicura che una foresta o una piantagione forestale siano gestite nel rispetto di rigorosi standard ambientali sociali ed economici.
Scopri di più

PROSSIMI IMPIANTI

Il prossimo impianto è previsto per l’autunno 2021, l’ultimo impianto è stato realizzato a giugno 2020.

Guarda foto e live video dell’11 giugno 2020.

Guarda il live video del 19 settembre 2020.

PROGETTO: WOWalps
Partner:

Racconti WOW

leggi gli ultimi articoli

Racconti WOW

leggi gli ultimi articoli

“Sotto la neve pane, sotto la pioggia fame”: perché la neve fa bene alle nostre piantine?

Due anni dalla tempesta Vaia: il video racconto del nostro impegno sul campo