Parco delle Orobie Valtellinesi - Wownature
close

Nessun prodotto nel carrello.

Proteggi una foresta

Parco delle Orobie Valtellinesi

Italia
Teglio (SO)

Proteggi Parco delle Orobie Valtellinesi

minaccia attuale: Perdita di biodiversità

Più una foresta è ricca di specie diverse, tanto più sarà in grado di resistere alle minacce degli agenti esterni, produrre legname di qualità, offrire un ambiente accogliente alla fauna selvatica e a tutti coloro che vogliono godere dei servizi ecosistemici che la foresta offre.

0%

0

Supporter

Scegli il contributo

Base
18,00 €

Pari a 900 Kg di CO2

Intermedio
29,00 €

Pari a 1.450 Kg di CO2

Avanzato
89,00 €

Pari a 4.450 Kg di CO2

Massimo
250,00 €

Pari a 12.500 Kg di CO2

Con i suoi 44.000 ettari di boschi alpini, praterie e crinali, il Parco delle Orobie Valtellinesi si estende dai 900 metri fin oltre i 3000 metri di quota. Si snoda tra montagne che custodiscono i segreti di una natura ancora intatta, tra cui spiccano rare specie animali e vegetali. Tra la fauna, il gallo cedrone è il simbolo del parco. Si tratta di una delle specie alpine con i maggiori problemi di conservazione, tanto che nell’arco alpino occidentale si è già estinta e sta per scomparire anche in Lombardia.

Per garantirne la conservazione sono necessari interventi diretti sul territorio. Il gallo cedrone nel periodo degli amori, o “periodo di canto”, necessita di spazi aperti come prati, pascoli e radure. È una specie che ama esibirsi in una danza detta “parata”, con la coda a ventaglio e il capo all’indietro. A causa dell’abbandono delle attività agricole in montagna, gli spazi verdi stanno lentamente venendo a mancare.

 

Il progetto, che si inserisce nell’iniziativa Bioclima, ha lo scopo di ricreare e/o migliorare alcune aree all’interno del Parco per riallinearle alle necessità del gallo cedrone e aumentare la biodiversità del territorio. Infatti, il gallo cedrone non sarà l’unico animale a beneficiare di questi interventi: anche il gallo forcello, la civetta nana, il francolino di monte, la civetta capogrosso, il picchio nero e molte altre specie troveranno un habitat adatto a loro.

 

Questo progetto è co-finanziato dal Bando “Biodiversità e Clima” (BioClima) realizzato da Regione Lombardia e sostenuto da Fondazione Cariplo. Bioclima, nato nel quadro del progetto LIFE GESTIRE 2020, mira a creare modelli di finanziamento pubblico-privato per catalizzare gli investimenti in progetti di conservazione della biodiversità e adattamento al cambiamento climatico nelle foreste e aree protette lombarde.

Se sei un’azienda e vuoi contribuire visita la pagina www.wownature.eu/aziende/bioclima.

Il Parco delle Orobie Valtellinesi si estende dai 900 m fin oltre i 3000 m di quota, con 44.000 ettari di boschi alpini, praterie e crinali. Queste montagne custodiscono i segreti di una natura ancora intatta tra cui spiccano rare specie animali e vegetali. Il Gallo cedrone, simbolo del parco, è una delle specie alpine con i maggiori problemi di conservazione. Gli interventi hanno lo scopo di ricreare e migliorare alcune aree all’interno delle foreste del Parco per renderle più idonee alle necessità del Gallo, aumentando la biodiversità.

Partner che si prendono cura della foresta

Altre foreste da proteggere

Boschi dell’Oglio Sud
Italia
Calvatone (CR)
0 %
Completato
Parco Adda Sud
Boschi dell’Adda Sud
Italia
Lodi (LO)
0 %
Completato
Boschi del Campo dei Fiori
Italia
Luvinate (VA)
0 %
Completato
Bosco di Rincine – Colline toscane
Italia
Londa (FI)
0 %
Completato
Entra nel mondo di WOWnature

Iscriviti alla nostra newsletter per immergerti nella forestasi, imparare dalla natura e restare aggiornato sulla nostra iniziativa!

PRIVACY POLICY

I dati personali raccolti dal presente modulo sono trattati da Etifor srl nel rispetto del GDPR e verranno conservati esclusivamente ai fini dell’iniziativa WOWnature. I dati non verranno ceduti a terze parti e gli iscritti potranno esercitare i diritti di cui agli artt. da 15 a 22 del Regolamento UE 679/2016, ove applicabili, mediante una comunicazione mail a privacy@etifor.com o cliccando sulla voce relativa alla cancellazione dal database contenuta i tutte le newsletter.